Statisticamente quante donne colpisce? E in che età?

Contrariamente a quanto accade negli uomini, la calvizie femminile si manifesta a qualsiasi età fino a 50 anni e oltre, non ha chiara matrice ereditaria e non segue alcuno schema riconoscibile di diradamento diffuso sul cuoio capelluto tipico dell’alopecia femminile.

Una donna che nota l’inizio della calvizie potrebbe non essere sicura se la perdita di capelli è temporanea o permanente; ad esempio spesso accade a causa di eventi recenti come una gravidanza o una malattia che può essere associata a un diradamento temporaneo dei capelli.

Cause

La calvizie femminile può essere causata da diversi fattori, a ciascuno di essi corrispondono forme di alopecia diverse che vengono classificate in cicatriziali e non cicatriziali, cioè irreversibili e reversibili.

Le forme di alopecia più spesso riscontrate sono di tipo non cicatriziali; in tal caso non avviene atrofizzazione definitiva dei follicoli piliferi, i quali una volta stimolati riescono a riprendere la fase di crescita. Possono essere causate da vari fattori: genetici ed ormonali, fisico-chimici, nutrizionali-metabolici, infettivi.

Alcune tra le cause più comuni di calvizie femminile di tipo non cicatriziale sono:

  • Stress. Spesso si presenta come dermatite seborroica, psoriasi o seborrea.
  • Traumi fisici e/o emotivi che possono condurre a effluvium telogen, massiccia perdita di capelli causata della durata di circa un paio di mesi.
  • Malattia autoimmune.  I globuli bianchi attaccano i follicoli piliferi, invece di difenderli, provocando una cospicua perdita di capelli a chiazze.
  • Disordini nervosi, o circolatori o alimentari, scompensi vitaminici o disfunzioni ormonali.
  • Gravidanza.
  • Menopausa.

Tra le cause più comuni di calvizie femminile di tipo cicatriziale troviamo invece:

  • Tendenza a grattarsi o tirare i capelli.
  • Esposizione a radiazioni.
  • Invecchiamento.
Conseguenze estetiche e psicologiche

Per una donna la propria capigliatura è solitamente motivo di vezzo, simbolo di femminilità e bellezza e tutte se ne prendono cura per dare una certa immagine di sé alle altre persone. Quindi se si verifica una caduta dei capelli più cospicua e prolungata del solito, subentrano stati di ansia e insicurezza psicologica.

La caduta dei capelli nelle donne porta a conseguenze psicologiche che possono essere profonde e non facilmente individuabili, manifestando stati di ansia, nei casi più gravi la depressione e il disturbo evitante di personalità.

E’ importante non sottovalutare il risvolto psicologico ed etichettarlo solo come disagio estetico.

Per combattere la calvizie, il primo passo è il tricotest®!
Da questa valutazione, sulla base delle esigenze del paziente, il professionista KIBA HAIR® mostrerà le soluzioni da intraprendere.

Quanto costa il tricotest®?

Nulla, è gratis!

Quando lo facciamo?

Martedì 5 ottobre

Dove lo facciamo?

Dove Siamo? A Loano in via Azzurri d’Italia 15

Compila il form per prenotare la tua visita o chiedere informazioni

    Desideri essere aggiornato sulle nostre Novità ? Iscriviti alla nostra newsletter ! Informativa di iscrizione alla newsletter

    Tutti i campi con * sono considerati obbligatori.

    OPEN DAY PRO HAIR: IL PRIMO PASSO PER RITROVARE IL PIACERE DI PIACERSI!

    gtag('config', 'AW-672541331');