Implantologia

RITORNA A SORRIDERE CON NOI!

Perché l’Implantologia?

Per questioni non solo estetiche ma anche funzionali!

Perché desideriamo che tutte le persone che hanno perso uno o più denti possano ritrovare il piacere di star bene con se stessi e con gli altri. Ma per quali motivi ad una persona dovrebbero cadere i denti?

Una patologia dentale che forse non avevi mai sentito prima, ma sicuramente hai già visto:

L’edentulismo, ovvero la mancanza di uno o più denti!

Trattasi di una patologia diffusa prevalentemente tra persone sopra i 65 anni di età. Questo non esclude la sua incidenza anche in età più precoci: si possono perdere i denti anche a 30 anni!
I tipi di edentulia:

  • Edentulia parziale: perdita limitata e circoscritta dei denti;
  • Edentulia totale: perdita inarrestabile e completa dei denti.
Le cause della perdita dei denti:

Le cause dell’edentulismo precoce sono:

La carie, la cattiva alimentazione fin da giovani, la scarsa conoscenza dell’igiene orale.

Le malattie parodontali di vario tipo come la parodontite, possono altresì degenerare in processi proliferativi, e scatenare la caduta dei denti.
Dopo i 30-40 anni, stando alle statistiche, sono proprio le malattie parodontali a provocare maggiormente, in circa il 35% dei casi, la caduta dei denti. Ciò è dovuto a fattori ambientali, come il fumo, a correlate patologie sistemiche in corso, relativi farmaci assunti e quantità eccessiva di placca batterica.

Uno stato di salute non buono, in linea generale, crea un’alterazione sistemica in tutto l’organismo e le ripercussioni sul cavo orale non sono affatto cosa rara.

A volte si sottovaluta la concomitanza di patologie, per esempio, in un soggetto senza denti non è raro riscontrare la presenza di malattie cardiache.

Le donne affette da osteoporosi presentano un rischio certamente maggiore d’incappare nell’edentulismo. L’osteoporosi riguarda le ossa e l’edentulia riguarda le ossa che delimitano il cavo orale: l’attinenza è ovvia.

Attenzione all’assunzione a lungo termine di farmaci come:

  • farmaci xerostomizzanti;
  • immunosoppressori;
  • corticosteroidi o steroidi;
  • irradiazioni, tra le quali soprattutto quelle cervico-facciali.

Il consumo non deve per forza tradursi in una perdita di denti, ma ne incrementa le possibilità.

Droga e tabacco raddoppiano le possibilità di scatenare la malattia, questo rimane un dato comunque certo.

Altri fattori che portano alla caduta del dente sono costituiti dai traumi e dalle fratture.

Che soggetti colpisce?

Le malattie del periodonto interessano donne e uomini di tutte le età, compromettono l’osso alveolare e il tessuto connettivo, il risultato è sempre la perdita totale dei denti.

Il soggetto adulto è quello più a rischio e concorre alla condizione sia lo stile di vita, sia la contemporanea presenza di malattie sistemiche fra cui:

  • le collagenopatie;
  • immunodeficienze, dall’HIV a tutte le neoplasie;
  • diabete che richiede la somministrazione d’insulina;
  • deficit neurologici o psichici che comportano l’impiego di farmaci.

Non è detto che ciascuna condizione porti alla caduta dei denti, ma aumenta la probabilità di edentulismo.

Quali conseguenze comporta la perdita dei denti?

Le conseguenze sono negative a livello estetico, psicologico e posturale. Analizziamole:

  1. Le basi ossee e i tessuti molli vengono modificati: la perdita dell’osso comporta una deformazione dell’area.
  2. I denti vicini si spostano.
  3. La struttura della mascella viene contratta.
  4. La mandibola viene riassorbita. E poiché quest’ultima ha un ruolo fondamentale nell’equilibrio corporeo, il corpo va incontro a diversi sconvolgimenti:
  • Mal di testa;
  • Masticazione alterata
  • Indigestione: il cibo maltritato comporta un problema di digestione. Tutto ciò va a incrementare un problema gastrointestinale.

I problemi possono essere riassunti a livello di

  • Fonazione: te ne puoi accorgere dalla fatica che il soggetto in questione presenta, quando pronuncia la lettera S;
  • deglutizione;
  • masticazione: mangiare diventa un’impresa sempre più difficile;
  • capacità di mordere;
  • capacità di sbadigliare;
  • capacità di sorridere.

Un semplice spazio dentale o la totale mancanza di denti, hanno un importante impatto visivo e vanno inevitabilmente ad incidere sulla percezione psicologica delle persone.

I rischi psicologici che corre l’individuo con edentulia non possono essere sottovalutati. Questa condizione porta a una sorta di auto-isolamento imposto.

Allora quali soluzioni attuare per evitare questo importante problema?

L’igiene orale quotidiana a casa, l’Igiene Dentale dall’Igienista e il controllo periodico dal Dentista sono fattori fondamentali per tentare una prevenzione dell’edentulia.
Così semplici, così sottovalutati!

Per sapere quali sono i cibi più adatti, chiedi alle nostre Igieniste Dentali.

Fumi? Inizia a volerti bene e inizia a smettere! Come hai visto l’edentulia dipende in larga scala dal fumo di sigaretta.

Se presenti condizioni di rischio, effettua i controlli dal Tuo Dentista ogni 3 mesi per evitare di ritrovarti spiacevoli sorprese.

Per una corretta Igiene Orale consigliamo: consigliamo l’utilizzo dello spazzolino elettrico. Pulisce più a fondo, ha un’efficacia maggiore nel rimuovere la placca e ridurre la gengivite.

Ricordati che l’unico che può fare la differenza nella conservazione del proprio sorriso, sei proprio Tu!

Assumiti la responsabilità della tua vita anche in questo campo.

Abbi cura di Te. Abbia cura della tua bocca.

D’accordo! Tutto ciò serve a mantenere la propria dentatura sana e salva! Ma per un soggetto che ha già perso uno o più denti, se non tutti, qual è la soluzione?

L’Impianto Dentale!

L’Impianto migliora decisamente la qualità di vita, sotto il punto di vista estetico ma soprattutto clinico.

È un rimedio molto più innovativo della solita dentiera ed è in grado di restituire un bel sorriso, una masticazione idonea e una vita di relazione decisamente soddisfacente.

A tutti i soggetti che hanno perso completamente o solo parzialmente i denti o hanno persone che presentano questa condizione: Implantologia è la nuova parola d’ordine!

Con le nostre tecniche potrai sostituire qualsiasi tipo di dente, da un incisivo ad un molare.

L’Implantologia permette di reimpiantare denti fissi e soprattutto definitivi ponendo fine alla mancanza di denti e a tutti i fastidi e disagi che ne derivano.

In cosa consiste l’Impianto Dentale?
Bredent
mis

L’impianto è una piccola vite in titanio medicale progettata per sostituire la radice di un dente naturale mancante. La vite viene ancorata all’osso e funziona come supporto a singoli denti, a gruppi di denti o per una protesi completa.

Il titanio medicale è un materiale altamente biocompatibile che si integra perfettamente nell’osso e per questo il rischio di rigetto degli impianti non esiste.

La sicurezza dei nostri Impianti è garantita dai nostri fornitori

L’impianto dentale si integrerà perfettamente con l’osso della mascella e/o della mandibola e permetterà l’ancoraggio al dente sostitutivo, chiamato corona.

Che benefici otterrai da un Impianto Dentale?
  1. Con questa tecnologia potrai sostituire un dente caduto con un impianto nel più breve tempo possibile. In questo caso annullerai le possibilità di essere visto senza uno o più denti!
  2. Se ricorri velocemente all’impianto dentale eviterai il trauma occlusale. Un trauma che si crea quando non sostituiscono i denti caduti comportando una modifica che potrebbe deformare il tuo viso.
  3. Non importa che tu debba sostituire tutti i denti, una parte o anche soltanto uno! Oggi l’impianto dentale è considerato la soluzione più sicura, affidabile e tecnologica.
L’Impianto Dentale ti offre maggiori benefici di una dentiera e di un ponte!

Una volta, se e quando i denti cadevano, si ricorreva all’utilizzo di ponti e dentiere.

Gli svantaggi di un ponte:

per realizzare un ponte, i denti naturali contigui ai denti persi vengono limati. Questo non accade per la realizzazione di un impianto!

Gli svantaggi di una dentiera:

  1. Il fastidio: questo è dovuto all’irritazione delle gengive.
  2. La dentiera, essendo mobile, si può muovere e quindi si sposta durante il pasto.

Con l’Impianto scongiurerai tutto ciò.

L’efficacia dell’impianto dentale è testata nel lungo periodo e non comporta quei fastidi tipici delle protesi mobili.

Possiamo dire tranquillamente che l’Implantologia ha ormai sostituito le vecchie protesi dentali.

Ricorda allora: la dentiera è una protesi mobile; l’impianto è una protesi fissa!

Per caso stai portando una dentiera e leggendo ti è venuta voglia di sostituirla con un Impianto?

Si Può Fare!

Tutti coloro che hanno deciso di sostituire la dentiera con l’Impianto Dentale si sono accorti degli enormi vantaggi fin da subito.

A chi è consigliato l’Impianto Dentale? Ci sono per caso limiti di età?

A tutti coloro che:

  • presentano uno o più denti ormai già caduti;
  • portano una dentiera e desiderano una soluzione più comoda, pratica e capace di non farli sentire a disagio;
  • presentando carie profonde, devitalizzazioni o danni parodontali, vogliono salvare il dente naturale.

Se sei un adolescente, per l’impianto occorre sempre aspettare fino a quando lo sviluppo osseo non sarà completo.

In tutti gli altri casi l’età non è un fattore che incide sulla decisione di mettere o meno l’impianto.

A tutti i pazienti può essere applicato un impianto dentale. Sarà comunque il Dentista a valutare caso per caso e se necessario a suggerire valide alternative all’impianto.

Si può inserire un Impianto Dentale anche con scarse quantità di osso?

Sì!

Devi sapere che fino a poco tempo fa, in alcune condizioni la scarsa quantità di osso presente non rendeva possibile l’inserimento di impianti senza eseguire interventi di rigenerazione ossea.

Ma oggi, grazie alle nuove leghe in titanio zirconia rivelatesi molto più resistenti (come la lega Straumann Roxolid), sarà possibile usufruire di impianti più sottili (di soli 3,3 millimetri) e più corti (di soli 4 mm) che possono essere utilizzati anche in condizioni di scarsa quantità ossea evitando spesso così manovre spesso complesse di rigenerazione ossea.

In casi di grave atrofia è comunque possibile praticare manovre rigenerative, come il rialzo mascellare, l’espansione ossea, l’innesto osseo, in modo da creare volumi ossei adatti a ospitare un impianto.

NB: IL RICORSO ALL’IMPIANTO NON DEVE ESSERE L’UNICA SOLUZIONE, MA L’ULTIMA SOLUZIONE!

Un buon Dentista non sostituisce subito il dente malato, ma lo salva. Solo se la situazione si presenta ormai compromessa allora potrà procedere all’impianto.

La maggior parte delle persone non sanno che, con le moderne tecniche e strumentazioni, possiamo mettere in atto terapie che curano e salvano i denti anche in casi molto gravi!

E’ sempre meglio mantenere il proprio dente quando possibile.
Questo perché il dente possiede intorno il legamento parodontale: un tessuto che ha le funzioni di:

  • darci una sensibilità maggiore quando mangiamo;
  • impedisce la perdita di osso intorno al dente.

L’inserzione di un impianto, in una zona edentula, impedisce o perlomeno rallenta fortemente il riassorbimento osseo, poiché, esercitando uno stimolo meccanico, mima il carico funzionale a cui l’osso è sottoposto quando vi sono i denti e ne favorisce il metabolismo.

Se soffri di parodontite o altre patologie gravi, sappi che puoi salvare i Tuoi denti malati evitando l’Impianto! Niente è perduto!

La parodontite è una delle principali cause della caduta dei denti, questo è risaputo.

Quello che invece pochi sanno è che la parodontite può essere curata grazie a sedute di curettage, detartrasi, pulizie profonde, interventi parodontali. Tutti rimedi che hanno l’obiettivo di salvare ì i denti naturali del paziente quando non sono già totalmente compromessi!

E’ sempre meglio conservare i propri denti naturali. Un bel sorriso è anche naturale!

Vieni a chiederci informazioni sulle possibili terapie da attuare.

Implantologia = Chirurgia? Sì ma non spaventarti senza motivo, guarda come si svolge:

Siamo veterani in questo campo ma ciò che desideriamo è sfatare qualsiasi dubbio o paura in merito.

Le varie fasi che andrai a leggere consistono nell’annullare ogni possibile controindicazione.

Visita di analisi preliminare e preparazione:

Con i nostri moderni mezzi diagnostici, indagini radiografiche con TAC Dentali e i calchi in gesso, misureremo con estrema precisione l’altezza, la larghezza, la lunghezza, la forma dell’osso e i rapporti tra impianti e struttura protesica.

Noi dobbiamo capire al meglio quali e quanti impianti dentali possono essere inseriti.

Cosa fare nei giorni che precedono la Seduta di Implantologia:

3 giorni prima l’intervento, consigliamo di fare una terapia a base di antibiotici e antinfiammatori. Tutto ciò è importante per annullare il rischio di infezione.

Durante la Seduta:

L’intero evento è svolto in ambiente sterile e sotto anestesia locale. E non proverai quindi alcun dolore! Inseriremo perciò l’Impianto Dentale.

Ti consegneremo infine la documentazione contenente la terapia che dovrai osservare nei 7 giorni successivi.

Durata: 30 minuti.

Esistono 3 tipi di Implantologia: quella Guidata, quella a Carico Immediato e quella a Carico Ritardato:

Implantologia Guidata:

Si chiama così perché è la tecnica guidata da tecnologie digitali, nello specifico il computer, scanner 3d.

I vantaggi del ricorrere all’Implantologia Guidata:

Maggiore precisione = Garanzia di una maggiore prevedibilità dei risultati;

Minore invasività.

Come si svolge l’Implantologia Guidata?
Attraverso varie fasi:

  1. Fase 1: con i nostri strumenti diagnostici come TAC Cone Beam acquisiremo immagini della tua struttura ossea al fine di valutare la morfologia perché vogliamo garantirti una lunga durata dell’impianto stesso.
  2. Fase 2: assieme al computer pianifichiamo la posizione esatta degli impianti sulla base della Tac Cone Beam che avrai eseguito e definiamo il progetto dell’intervento, evidenziando con precisione tutte le strutture anatomiche, comprese quelle a rischio, dalle quali restare lontani.
  3. Fase 3: attraverso una mascherina di posizionamento inseriremo facilmente gli impianti senza eseguire alcun lembo a meno che non sia necessario per altri motivi come una mancanza di gengiva aderente.

Creiamo gli alloggi dei tuoi impianti, posizioniamo la vite e la protesi.

La seduta viene svolta senza tagli di sutura e quindi senza punti.

Essere estremamente precisi nel posizionare l’Impianto è fondamentale per la perfetta riuscita del nostro compito e per evitare il rischio di perdita dell’impianto.

Può essere applicata in ogni caso?
No, non è sempre possibile.

Può essere eseguita sono nei casi in cui abbiamo una sufficiente quantità di osso e gengiva.

Se invece, come spesso accade, abbiamo una carenza di osso dovendo ricorrere a manovre rigenerative (Split Crest, Rialzo del seno mascellare, Gbr, ecc.), non è possibile ricorrere ad una Implantologia Guidata se non per avere un indicazione sulla posizione dell’impianto.

Anche l’utilizzo del microscopio ottico risulta essere molto utile per valutare clinicamente la precisione della posizione della protesi.

Implantologia a Carico Immediato:

Questa Implantologia viene applicata nel caso in cui è possibile posizionare sia l’impianto che la corona nella stessa seduta.

Normalmente, infatti, tra la collocazione dell’impianto e l’applicazione del carico protesico, è necessario attendere dalle 4 alle 12 settimane.

Cosa occorre per poter adottare questa soluzione?

Requisito principale è la stabilità primaria dell’impianto.

Una volta che viene inserito un impianto nell’osso, si apre il periodo di guarigione dell’osteointegrazione. Durante questo intervallo di tempo, l’Impianto non deve subire micromovimenti superiori ai 75Micron.

Ciò che stupisce è che abbiamo potuto constatare che se più impianti vengono solidarizzati tra di loro appena inseriti, masticando non subiscono micromovimenti tali da inficiare la loro guarigione.

Utilizzando una tecnologia guidata noi sapremo, prima di eseguire l’intervento, la posizione esatta in cui inserire gli impianti.

In questo modo possiamo costruire una protesi fissa che si avvita agli impianti anche prima dell’inserimento degli stessi per poterla così solo avvitare al momento in cui eseguiamo l’innesto implantare.

Il beneficio che otterrai da una Seduta di Implantologia a Carico Immediato?
Nell’arco di sole 24 ore è possibile procedere con l’inserimento di 4 o 6 impianti per ogni arcata e di una protesi provvisoria ad essi sostenuta. I tempi sono brevi, non solo nell’esecuzione dell’intervento ma anche nella ripresa e riabilitazione di tutti i deficit comportati dallo stare senza denti per tanto tempo.

Di solito si ricorre a questa procedura per le riabilitazioni di intere arcate totalmente edentule o di zone ad alto valore estetico (incisivi e canini). Sia l’impianto che la corona provvisoria vengono inseriti. Per un periodo di 2 – 3 mesi consigliamo di non masticare cibi duri nella zona trattata: questo serve a favorire l’osteointegrazione.

Terminato il periodo di 2 – 3 mesi, inseriremo la protesi definitiva.

Quando si può adottare questa soluzione?

Nel caso in cui il nostro Dentista riscontri un’idonea situazione ossea.

Implantologia a Carico Ritardato:

In questo caso, gli impianti dentali vengono inseriti nell’osso senza poi applicarci la corona protesica. All’estremità dell’impianto dentale, invece, è applicata una vite di guarigione che affiora alla superficie della gengiva e chiude la parte cava dell’impianto oppure l’impianto viene lasciato completamente ricoperto dalla gengiva.

Il beneficio che otterrai da una Seduta di Implantologia a Carico Ritardato?

La sicurezza dell’osteointegrazione. Tuttavia questa sicurezza deve richiedere pazienza da tenere per un periodo di 2 – 3 mesi.

Dopo la Seduta:

Può capitare di provare un leggero dolore e che si manifesti una lieve tumefazione, ma questo è naturale perché ti rovi nella fase di guarigione.
Perciò non assumere antidolorifici o antinfiammatori, sono completamente inutili in questa fase!

Il giorno successivo puoi ritornare al lavoro.

Come starai dopo?

Possiamo fornirti una protesi provvisoria, fissa o mobile, fino a quando non sarà applicata quella definitiva.
Non rimarrai senza denti nei 3 – 4 mesi in cui si compie il processo di guarigione!

Se non riesci a fare a meno di fumare, per favore non farlo nelle fasi successive all’inserimento degli impianti.

Cosa fare nei giorni successivi alla Seduta?

Dopo alcuni giorni si procede alla rimozione dei punti.

Anche se i tempi di osteointegrazione possono variare da caso a caso, indicativamente dopo 3-4 mesi per l’arcata superiore e 3 mesi per l’arcata inferiore (6-9 mesi nel caso in cui siano necessarie manovre rigenerative), periodo in cui l’osso maturerà intorno all’impianto, si passa alla fase protesica.

Quanto dura l’Impianto Dentale?
pubmed

Secondo gli studi attuali pubblicati sulla libreria della medicina Pubmed L’Impianto dura oltre 10 anni nel 98% dei casi.
La nostra equipe di Dentisti e Igieniste Dentali controlleranno infatti, con regolarità lo stato della tua salute orale, verificando immediatamente le eventuali problematiche del tuo impianto con l’obiettivo di intervenire con efficacia e in tempo.

Noi del Sangiovanni Centri Dentali ti ricorderemo quando rinnovare le Tue Sedute e i Controlli.

Una volta che viene innestato, fai durare a lungo il Tuo Impianto! Su questo ti aiutiamo noi!

Per far si che rimanga integro e duri più a lungo è indispensabile effettuare ogni 3 mesi regolari Visite di Controllo. Durante ogni seduta esamineremo le infrastrutture implantari e ti effettueremo l’Igiene Dentale.

L’Igiene Dentale attorno agli impianti non può essere eseguita con i manipoli ad ultrasuoni con cui normalmente viene eseguita una pulizia dei denti. Gli strumenti normali finirebbero per graffiare gli impianti.

Disponiamo di punte ultrasoniche

mectron

MECTRON che salveranno da graffi la superficie implantare.

Tenere la bocca pulita è fondamentale per evitare il rischio di caduta dell’impianto.

Per questo motivo utilizziamo anche l’idropulsore al fine di evitare, proprio a causa della placca e dei depositi di tartaro, l’attivarsi di processi di erosione ossea.

Noi del Sangiovanni Centri Dentali ti ricorderemo quando rinnovare le Tue Sedute e i Controlli previsti.

Cosa possiamo fare per Te che hai già messo l’Impianto?

Per l’Igiene Orale valgono le regole generali:

  • lavarsi i denti dopo ogni pasto per 2 minuti;
  • passare il filo interdentale almeno una volta al giorno.

Lo spazzolino consigliato è quello con le setole medie e la tecnica da utilizzare è la seguente:

si introducono le setole nel solco con un’angolatura di circa 45° rispetto al dente e si effettua una lieve pressione. Il passaggio successivo è quello di effettuare una rotazione delle setole verso la corona.

Colluttorio: utilizzare quelli a base di clorexidina ogni 12 ore, per 10 giorni al mese.

Fondamentale a nostro avviso è anche l’utilizzo dell’idropulsore. Oggi ne esistono anche di portatili.

Ma ricorda sempre di tenere il caro, buon vecchio e mai passato di moda Stile di Vita sano e corretto: stare alla larga da un uso eccessivo di fumo e alcool ti permetterà e garantirà un buon mantenimento ed una lunga durata dell’impianto stesso.

Guadagnerai tempo, risparmierai denaro!

Cos è allora l’Implantalogia Dentale?

È la branca dell’Odontoiatria che ha l’obiettivo di sostituire il/i dente/i mancante/i tramite l’Impianto Dentale.

Dove siamo? Ad Albenga in via degli Orti 61.

Dove siamo? A Loano in via Azzurri d’Italia 15.

Dove siamo a Cairo Montenotte? In via Baccino (dietro l’Ospedale)

Vieni da noi e riprenderai il piacere di goderti la Vita!

Scopri i nostri Dentisti

Edoardo Nario

Dott. Edoardo Nario

TITOLI DI STUDIO

2009: Laurea Specialistica in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Genova con la presentazione di tesi sperimentale riguardante l’Implantologia e ottenendo la dignità di stampa.

2010: Corso semestrale teorico pratico di Endodonzia Clinica e Chirurgica del Dott. Massimo Zerbinati.

Corso pratico di aggiornamento postuniversitario Restauri Diretti in Composito nei settori Anteriori e Posteriori del Dott. Giorgio Tessore.

Corso pratico intensivo su Riunito, su Simulatori e su Denti Veri di Protesi Fissa e Preparazioni Gnatologiche con Controlli delle Preparazini a Ingrandimento e al Microscopio Operatorio del Dott. Stefano Antonio Aracci presso Odop Padova.

Corso pratico su Riunito e su Simulatori con Tessuti di Protesi Fissa Avanzata di Intere Arcate e Molaggio Selettivo, Inlays, Onlays e Faccette in Porcellana con Controlli al Microscopio Operatorio del Dott. Stefano Antonio Aracci presso Odop Padova.

2012: Corso semestrale di Enbdodonzia Ortograda del Dott. Fabio Gorni.

2013: Conseguimento del Master Universitario di II Livello in Parodontologia presso l’Università degli Studi di Torino.

2014: Corso pratico di Implantologia Orale presso l’Università di La Habana (Cuba).

2017: Corso annuale di Implantologia Metodologia Clinica e Tecnica del Dott. Mauro Merli.

ESPERIENZE PROFESSIONALI

Da ottobre 2017: collaborazione con Sangiovanni Centri Medici nelle branche odontoiatriche di Implantologia, Conservativa, Endodonzia, Parodontologia, Chirurgia Orale, Protesi Dentale.

Ti potrebbero anche interessare
Open Day Apparecchio Invisibile

Open Day Apparecchio Invisibile

Open Day Nutrizione

Open Day Nutrizione