Cardiologia

È sempre il caso di dirlo: Prendiamoci a Cuore il Nostro Cuore!

Perché abbiamo scelto la Cardiologia?

Lo sapevi che le principali cause di morte che si verificano nel mondo sono dovute a malattie cardiache?
Dal funzionamento del Cuore dipende la nostra Vita, e per Migliorarla sempre di più occorre controllare il nostro sistema cardiovascolare ragionando in un’ottica di lungo periodo e puntando sempre sulla Prevenzione!

Questo è il modo Migliore per mantenere l’efficienza del nostro Cuore ed evitare anomalie e patologie connesse.

Quali sono le principali malattie del Cuore?

Le patologie più frequenti sono:

  • aterosclerosi: indurimento e perdita di elasticità delle arterie di medio e piccolo calibro con deposizione di placche lipidiche, dette ateromi;

 

  • infarto del miocardio: è la morte di una parte del muscolo cardiaco, dovuta a un’ischemia prolungata;

 

  • ipertensione arteriosa: rappresenta un importante fattore di rischio per ictus, infarto del miocardio, aneurismi, arteriopatie periferiche, insufficienza renale cronica e retinopatia;

 

  • aritmie: alterazioni del normale ritmo di contrazione del cuore;

 

  • pericardite:è più frequente tra gli uomini di 20-50 anni, ma colpisce anche le donne di tutte le età

fibrillazione atriale;

 

  • cuore ingrossato;
  • valvulopatie come stenosi aortica o insufficienza mitralica: possono essere presenti dalla nascita oppure svilupparsi nel corso della vita a seguito di diverse malattie;

 

  • cardiomiopatie;

 

  • scompenso cardiaco: un’alterazione della struttura e della funzione cardiaca che porta a un’insufficiente funzione di pompa del cuore. Oltre i 65 anni lo scompenso cardiaco rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale.

Capitolo a parte è costituito dalle malformazioni congenite strutturali del Cuore che sono presenti dalla nascita e spesso misconosciute in un numero consistente di Uomini e Donne. Se ignorate, possono esser anche causa di morte improvvisa.

Quali Consigli possiamo dare per Mantenere In Forma il Nostro Cuore?

Secondo l’American Heart Association basterebbe osservare le seguenti regole:

  1. Mantenere bassa la pressione e ridurre la glicemia:

la pressione va tenuta tra tra gli 80 e i 120 mm/Hg. Questo contribuisce a ridurre lo sforzo di Cuore e vasi sanguigni abbassando il rischio di ictus e infarto;

la glicemia deve stare al di sotto dei 110 mg/dl. Un eccesso di zucchero nel sangue è nocivo per l’intera Salute, non solo quella Cardiovascolare.

  1. Monitorare il colesterolo: il suo valore deve stare al di sotto di 200 mg/dl. Un valore superiore porterebbe alla formazione di placche nei vasi sanguigni occludendo le arterie, causando spesso infarti e ictus.
  2. Controllare la frequenza cardiaca a riposo al mattino: poggiando le 3 dita della mano sull’arteria radiale del polso o su quella carotidea del collo ed applicando una leggera pressione nell’arco di un minuto conta i battiti.

A seconda del risultato raggiunto sarai in condizioni di:

  • bradicardia: < 50 battiti al minuto;
  • normocardia: 55 – 85 battiti al minuto;
  • tachicardia: > 90 battiti al minuto.

La severa bradicardia, ma soprattutto la tachicardia sono considerati fattori di rischio del proprio Cuore!

  1. Mangiare Sano. Per mantenere Sano il Nostro Cuore e gli altri organi, la dieta migliore resta quella nostra, la mediterranea.
  2. Mantenere un giusto peso Corporeo: si può calcolare il peso Ideale con varie formule, diverse per Uomini e Donne, di cui la più nota è l’indice di massa corporea (IMC o BMI in inglese) che comunque deve rimanere inferiore a 25, P (Kg)/ h2(cm) (peso diviso altezza al quadrato).
  3. Smettere di fumare.
  4. No alla sedentarietà e Sì ad una Regolare Attività Fisica. Le attività più Consigliate dai Cardiologi restano gli Sport di Resistenza come corsa, nuoto, ciclismo. Queste aiutano a bruciare velocemente i grassi. Per farlo, il modo Migliore è quello di calcolare la frequenza cardiaca massima con l’aiuto di un cardiofrequenzimetro.
    Che frequenza cardiaca massima raggiungere durante l’esercizio fisico?

Con questo calcolo: 220 – età in anni = risultato x 75% = bpm

Il risultato raggiunto è la soglia lipolitica che devi raggiungere per bruciare i grassi. Ovviamente occorre allenarsi gradualmente, specie se si era piuttosto sedentari.

 

  1. Andare al lavoro a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici. Perché con i mezzi pubblici? Perché il viaggio dalla fermata al luogo di lavoro avviene a piedi.
  2. Sottoporsi, a seconda dell’età, Stile di Vita, sintomi e fattori di rischio, a Visite Cardiologiche Regolari.
  3. Evita un prolungato stress psicofisico.
  4. Non alzare troppo il gomito durante gli aperitivi: controlla l’alcool che fai assumere al Tuo Corpo!

Quando dovrei effettuare la Visita Cardiologica?

Il prima possibile dopo la Nascita:

Una Prima Visita Cardiologica andrebbe effettuata il prima possibile per escludere malformazioni e anomalie dalla nascita. Un elettrocardiogramma ed un ecocardiogramma andrebbero eseguiti in genere nella preadolescenza.

Quando hai meno di 40 anni e presenti uno o più dei seguenti sintomi:
  1. dolore toracico, specialmente se insorge con lo sforzo e passa fermandosi;
  2. dolore interscapolare o al dorso, a riposo, non attribuibile a malformazioni della colonna vertebrale;
  3. dispnea, ovvero fiato corto in presenza di sforzo fisico minimo o nullo;
  4. Affaticamento;
  5. tachicardia, palpitazioni;
  6. Capogiri;
  7. Svenimento.
Quando hai meno di 40 anni e presenti uno o più dei seguenti fattori di rischio:
  1. Ipercolesterolemia;
  2. Cardiopatie e patologie cardiache presenti in famiglia;
  3. Obesità;
  4. Diabete;
  5. Tabagismo cominciato da molto tempo;
  6. pressione alta;
  7. sedentarietà;
  8. stress psicofisico;
  9. assunzione di psicofarmaci.
Se hai più di 30 anni e pratichi sport faticosi (sport da combattimento, ciclismo, nuoto, corsa:

Ti consigliamo di effettuare la Visita Cardiologica ogni 2 anni.

Se sei un Uomo, hai più di 40 anni e non presenti ne fattori di rischio ne sintomi:
Ti consigliamo di sottoporti alla Visita Cardiologica ogni 2 anni.

Se sei una Donna e hai più di 50 anni:
Dato il livello inferiore di estrogeni durante la menopausa, le Donne rientranti in questa fascia di età hanno un maggior rischio cardiovascolare (aumento della pressione arteriosa e vasocostrizione) rispetto alle Donne in età fertile, soprattutto se conducono anche uno scorretto Stile di Vita, per questo Consigliamo di effettuare la Visita Cardiologica ogni anno.

Quali Benefici otterrai dalla Visita Cardiologica?

La Visita serve a:

  1. Valutare lo Stato di Salute del Cuore e dell’intero apparato circolatorio;
  2. Prevenire le patologie cardiovascolari;
  3. Diagnosticare e Curare le patologie cardiovascolari;
  4. A Prevenire sintomi e praticare attività Fisica in Sicurezza;
  5. A ridurre e/o eliminare fattori di rischio;
  6. Ottenere Consigli per Migliorare la propria Vita attraverso un corretto Stile;
  7. Ricorrere ad un’eventuale Terapia farmacologica in caso di patologia diagnosticata o fattori di rischio.
A Chi è Consigliata la Visita Cardiologica?

A Tutti il prima possibile dopo la Nascita.

A seconda dell’età, dei sintomi, dei fattori di rischio e dello Stile di Vita praticato, vedi il post
Quando dovrei effettuare la Visita Cardiologica?

Come prepararsi alla Visita Cardiologica?

Ti Consigliamo di portare con Te, se ce li hai già e li hai effettuati recentemente, i referti degli esami ematici relativi a colesterolo HDL, colesterolo LDL, trigliceridi, emocromo, glicemia. Nelle Donne Consigliamo anche di valutare la sideremia e la funzione tiroidea, specie se ricordano episodi di cardiopalmo, astenia, difficoltà respiratorie.

Indipendentemente da come sono le Tue abitudini, informa il Cardiologo sullo Stile di Vita che conduci, è molto importante per il Cardiologo sapere se fumi, bevi alcoolici, mangi sano, fai uso di farmaci, il tuo livello di stress, come e quanto dormi. Il modo Migliore è aver con sé un taccuino in cui annotare le informazioni.

Come viene effettuata la Visita Cardiologica?

La Visita è strutturata nelle seguenti fasi:

Fase 1: anamnesi. Raccolta di tutti i dati e informazioni da parte del Medico relativi alla Tua storia clinica, sintomi, fattori di rischio, eventuali farmaci assunti, Stile di Vita.

Fase 2: ispezione.

Si pone l’attenzione su forma del torace e eventuali deformità scheletriche, gozzo o noduli tiroidei, anomala pulsazione al giugulo o all’epigastrio, turgore delle vene giugulari. Si esamina sede e carattere dell’itto della punta (il ritmico sollevamento del torace in corrispondenza della punta del cuore).

Fase 3: palpazione

Si palpa in corrispondenza della sede dell’itto della punta per definirne forza e estensione. Possono poi essere percepiti eventuali fremiti o sfregamenti pericardici.

Fase 4: percussione per avere un’idea approssimativa delle dimensioni del cuore.

Fase 5: auscultazione

Scopo è rilevare i normali toni cardiaci e eventuali sdoppiamenti, rumori aggiunti, soffi o sfregamenti pericardici.

Fase 6: misurazione della pressione.

 

Se lo riterrà necessario, ti sottoporrà eventualmente ad indagini diagnostiche quali:

  • Elettrocardiogramma ECG: trattasi di un esame che permette di rilevare l’attività elettrica prodotta dal Tuo Cuore. Ha lo scopo di accertare o escludere molte patologie a carico delle coronarie e le alterazioni di ritmo cardiaco dovute ad aritmie, spesso abbastanza comuni come la fibrillazione atriale e le extrasistole.
  • Ecocardiogramma: questo esame ha la capacità di misurare le dimensioni delle zone cardiache, la funzionalità del cuore e approfondire le cause di eventuali soffi e dispnee.
  • Holter cardiaco: esame che consente di valutare per 24 ore l’ECG durante le attività quotidiane del Paziente. Ha la capacità di evidenziare disturbi del ritmo cardiaco ed eventi come affaticamento e svenimento, capogiri.
  • Holter pressorio;
  • Test Ergometrico Massimale: trattasi di un test da sforzo effettuato su cicloergometro. Generalmente si effettua quando il Paziente avverte dolore toracico. Questo test di 20 minuti circa, ha la capacità di individuare una cardiopatia ischemica, o rilevare i segni correlati all’angina pectoris.
La Visita è dolorosa?

Assolutamente no. E avviene anche in totale Sicurezza.

Cosa può fare il Cardiologo per Te?

Se non li hai ancora effettuati, ti Consiglierà di sottoporti a prelievo ematico per il dosaggio di valori di colesterolo HDL, colesterolo LDL, trigliceridi, emocromo, glicemia.

Dopo aver riscontrato le condizioni del Tuo Cuore, ti fornirà eventuali Consigli Utili su come modificare in Meglio la Tua Vita:

  • se fumi, ti Suggerirà il modo Migliore per smettere;
  • se sei in sovrappeso, come rivoluzionare la Tua dieta;
  • se bevi alcolici abitudinariamente, come ridurne l’uso;
  • se sei costantemente di fretta, come rallentare i Tuo ritmi;

se applichi tutto questo, il Tuo Cuore ti Ringrazierà.

La Visita Cardiologica ha una periodicità?

Sì.

  1. A Tutti Coloro che:
  • presentano cardiopatie conclamate;
  • hanno subito interventi chirurgici per cardiopatie o per correzioni di anomalie congenite;

Consigliamo di effettuare la Visita Cardiologica ogni anno o a cadenza inferiore secondo il parere dello Specialista.

  1. A Tutti Coloro che presentano anomalie e/o malformazioni dalla nascita, sarà il Cardiologo a stabilire quando ripresentarsi.
  2. A Tutti Coloro che presentano sintomi e fattori di rischio, la Visita Cardiologica è da effettuare secondo la periodicità stabilita dal Cardiologo.
  3. A Tutti Coloro che praticano Sport faticosi e hanno più di 30 anni: Consigliamo di effettuare la Visita ogni 2 anni.
  4. Agli Uomini che hanno più di 40 anni: Consigliamo di effettuare la Visita ogni 2 anni.
  5. Alle Donne che hanno più di 50 anni: Consigliamo di effettuare la Visita ogni anno.
Cosa possiamo fare noi per Te?

Se lo desideri, noi del Sangiovanni Poliambulatorio  ti ricorderemo il momento in cui Rinnovare la Tua Visita Cardiologica.

Cos’è la Visita Cardiologica?

La Visita Cardiologica è l’insieme di approfondimenti diagnostici ed esami aventi la funzione di Monitorare la Salute del Cuore e dell’intero apparato Cardiovascolare.

Dove siamo a Loano? In via Azzurri d’Italia 15

Dove siamo a Cairo Montenotte? In via Baccino (vicino all'ospedale)

Scegliamo di avere Cura di Colui che lavora costantemente per Noi 24 ore al giorno da quando siamo stati Concepiti!

Scopri chi sono i nostri Cardiologi:

Dott. Alfonso Baselice

Dott. Mirco Baccino

Dott. Eugenio Buccini

Dott. Antonio Magioncalda

Abilitato alla Professione dal 1976.

Iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Genova n° 7796.
Relatore di oltre 50 Congressi Nazionali.

Attualmente Insegnante di Elettrocardiografia Clinica all’ASL3 GE – Triennio di Formazione Specialistica per i Medici di Medicina Generale.

Titoli di Studio

1976: Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Genova.

Specializzazione in :

Cardiologia.

Fisiopatologia e Fisiochinesiterapia Respiratoria.

Medicina dello Sport.

Igiene e Medicina Preventiva con orientamento in Sanità Pubblica.

1989: Idoneità Nazionale a Primario di Cardiologia , Roma.

Esperienze Professionali

1976: Tirocinio Pratico in Cardiologia all’Ospedale San Martino.

1978: Medico dello Sport presso il Centro Universitario di Medicina dello Sport con il Prof. G. Odaglia.

1978 – 1980: Assistente di Cardiologia presso l’Ospedale Santa Corona.

1980 – 1986: Assistente Cardiologo presso l’Ospedale Santa Corona.

1986: Aiuto all’Ospedale Celesia ASL3 GE per attività prevalente in Unità Coronarica ed Elettrostimolazione Cardiaca.

1987 – 2000: Docente di Cardiologia e Medicina Preventiva presso la Scuola per Infermieri Professionali della ASL 3 presidio di Sestri Ponente.

2003: Dirigente Medico in Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso.

2006 – 2012: Responsabile del SS Osservazione Breve Intensiva e Degenza Breve presso l’Ospedale Galliera.

Per molti anni: Istruttore IRC BLS – BLSD ( Basic Life Support and Defibrillation).
Istruttore IRC ALS (Advanced Life Support).
Istruttore ANMCO per il BLSD.
Corsi di Emergenza frequentati superando l’esame di valutazione finale come Provider: BLS, BLSD, ALS, ATLS, PBLS, B-TOX.

Per molti anni: Istruttore IRC BLS – BLSD ( Basic Life Support and Defibrillation).
Istruttore IRC ALS (Advanced Life Support).

Istruttore ANMCO per il BLSD.

Corsi di Emergenza frequentati superando l’esame di valutazione finale come Provider: BLS, BLSD, ALS, ATLS, PBLS, B-TOX.

Dal 2016: collaborazione con Sangiovanni Centri Medici dello Sport.

Pubblicazioni su Riviste

Pubblicazioni Scientifiche di due Manuali di Elettrocardiografia e Cardiologia d’Urgenza per MMG.

Oltre 75 Pubblicazioni Scientifiche su Riviste Nazionali.

Dott.ssa Annamaria Nicolino

Dott. Luca Olivotti

Dott. Luca Poggio

Dott. Valter Tarditi