bbia
ppg

Con questo esame abbiamo la possibilità di diffondere sempre di più i nostri Valori fondati sulla Prevenzione e sul Benessere Psicofisico della Popolazione!

Scopriamo quindi il perché

Perché abbiamo scelto la BIA PPG?

I nostri Valori sono fondati sulla centralità della Persona e alcuni dei nostri scopi sono la Prevenzione e il recupero del Benessere e delle Performance Psicofisiche.

Quello che noi Desideriamo è valutare lo stato di Salute generale dell’Individuo, ma soprattutto Migliorare la sua Qualità di Vita anche in presenza di patologie sistemiche, soprattutto Prevenendo la loro insorgenza.

Nel portare avanti questi progetti, la nostra unità di ricerca e sviluppo, da anni, cerca di Mantenere alto l’impegno consistente nell’adottare metodologie, dispositivi ed esami non invasivi nella diagnostica e nelle Terapie da riservare ai nostri Pazienti.

Per questo ci siamo Affidati alla BioTekna, azienda operante dal 1996 nel settore delle tecnologie biomediche. Un azienda capace di maturare nel tempo un notevole bagaglio di competenze in relazione all’analisi delle proprietà bioelettriche dei tessuti del Corpo Umano in associazione con fenomeni fisiopatologici.

Nel corso del tempo Biotekna ha instaurato collaborazioni a lungo termine con centri di Eccellenza Mondiale nella ricerca clinica e tecnologica fra cui:

  • Pennington biomedical research center, Lousiana state università, USA;
  • centro hospitalar e universitário de Coimbra, Portogallo;
  • open academy of Medicine, London, UK;
  • university hospital Regensburg, Germania;
  • the Ohio state university, USA;
  • university of Athens, Atene, Grecia;
  • ISSA – International Sports Sciences Association, USA;
  • harokopio university, Atene, Grecia;
  • Uppsala university, Svezia;
  • università di Bologna, Italia;
  • università di Roma sapienza, Italia;
  • università di Chieti, Italia;
  • McLaren technology center, Woking, UK.

Le loro sinergie hanno portato alla Luce varie Soluzioni Innovative scientificamente riconosciute.

Perché abbiamo scelto i macchinari Biotekna?

Perché parliamo di un’azienda che dal 1996 ha:

  1. tenuto più di 400 seminari e corsi di formazione base e avanzata;
  2. 12 congressi nazionali su sintomi vaghi, stress, infiammazione cronica e Nutrizione clinica;
  3. 4 congressi internazionali di neuroimmunoendocrinologia, metabolismo, nutrizione clinica e Riabilitazione Fisicomotoria.

I suoi più di 20 anni di Innovazione tecnologica e ricerca scientifica hanno portato al Miglioramento della Salute e della Performance Psicofisica dei Pazienti e Sportivi che hanno usufruito delle loro Soluzioni.

Da menzionare l’importanza della partnership instaurata nel 2015 con il Gruppo Mclaren Technology Group

mclaren bio tekna
Qual è l’attuale problema che influisce negativamente la Qualità della Salute della popolazione?

Partiamo prima dal Corpo Umano. Il Corpo Umano lo possiamo vedere come un sistema capace di Mantenere Costantemente in Equilibrio l’attività degli apparati

  • Fisico Motorio;
  • Psicologico;
  • neurologico;
  • immunologico;

Questo Equilibrio viene però intaccato da vari fattori di tipo Fisico, metabolico, Ambientale, Psicologico, Emotivo, comportamentale, virale, ecc.. L’azione combinata di questi agenti può causare una condizione di stress ossidativo.

Saranno almeno 10 anni che sentiamo parlare di stress ossidativo.

Di che cosa si tratta?
Lo stress ossidativo è uno squilibrio esistente tra la produzione delle sostanze di scarto e le Capacità del Corpo di eliminarle. In questa condizione, tali Capacità vengono meno e si viene a Creare un sovraccarico di tossine che arrecano danno al nostro Organismo.

Le tossine più pericolose sono rappresentate dai radicali liberi: se non vengono neutralizzati dalla capacità antiossidante dell’Organismo, attaccheranno le molecole cellulari, causando una serie di disturbi sintomatici che possono condurre alla malattia e all’invecchiamento precoce.

I radicali liberi vengono prodotti dai processi di produzione di Energia, tuttavia lo Stile di Vita adottato dalla maggior parte di noi è Ben poco Salutare:

  • alimentazione ricca di grassi, carboidrati e povera di nutrienti;
  • bevande zuccherate e alcolici;;
  • insufficiente consumo di Acqua;
  • ansia, depressione, ira persistente;
  • sedentarietà;
  • inquinamento;
  • uso eccessivo di dispositivi elettronici;
  • ore ridotte di Riposo notturno;
  • farmaci;
  • fumo;
  • errata Respirazione;
  • meccanismi subdoli di stress come rumore, clacson, voci, suonerie del cellulare, notifiche sulle nostre mail e sui nostri canali e profili social;
  • …;

tutto ciò causa una saturazione delle capacità del nostro sistema antiossidante Generando una condizione di stress ossidativo.

A farne le spese sarà il nostro sistema nervoso autonomo.

Il suo compito è Mantenere costantemente un Equilibrio di tipo Psichico, Fisico, immunologico ed endocrino.

Il sistema nervoso autonomo si occupa di molte funzionalità organiche e presenta 2 componenti che si alternano continuamente durante la giornata in maniera bilanciata:

  1. la componente simpatica che viene attivata al mattino presto, durante l’attività fisica, il lavoro e lo stress Emotivo. I suoi effetti sono il rilascio di ormoni tiroidei, adrenalina e noradrenalina, la contrazione muscolare, l’incremento del battito cardiaco e il rallentamento della digestione poiché pone l’Organismo in una situazione di attacco;
  2. la componente parasimpatica che si attiva nel tardo pomeriggio, composta principalmente dal nervo vago, che viene attivata durante il Relax, il Riposo e la digestione. I suoi effetti sono la diminuzione della contrazione muscolare e successiva Riparazione, il Recupero delle Energie e l’attivazione della risposta immunitaria e antinfiammatoria.

 

Badiamo Bene: lo stress ossidativo non è una malattia, ma una condizione infiammatoria dell’Organismo che, se non viene arginato, favorirà nel lungo periodo l’insorgere di patologie cronico degenerative come, solo per citarne alcune:

  • distrurbi stress correlati quali ansia, stanchezza cronica, insonnia, disturbi gastrointestinali aspecifici;
  • stato di acidosi sistemica dell’Organismo che favorirà l’insorgenza di osteopenia, osteoporosi e crampi a riposo;
  • disbiosi sistemica.

Lo stress ossidativo, se supera i 6 mesi, diventa cronico, impatta negativamente sul nostro Organismo alterandone il metabolismo.

Vogliamo sapere cosa succede al nostro Organismo colpito dallo stress ossidativo cronico?

Il nostro Organismo metterà automaticamente in atto delle risposte Difensive di tipo neuroendocrino (insulina e cortisolo), ma riuscirà solo fino a un certo punto ad adattarsi alle situazioni stressanti. Se non poniamo Rimedio, ci saranno diversi effetti che porteranno all’incremento della produzione di ormoni dello stress e ad un cambiamento della composizione Corporea impattando sul funzionamento della massa muscolare e scheletrica: le fibre muscolari cominceranno ad assottigliarsi e indebolirsi, stessa cosa accadrà alle ossa.

Data la persistenza dello stress nel Tempo, si attiverà una sovrattivazione sistemica: muscoli e ossa dovranno avere il compito di fornire le loro Energie e Nutrienti per permettere al Corpo di svolgere le sue funzioni.

Tuttavia questo è destinato a durare non per molto Tempo: il sistema nervoso autonomo attiverà i cosiddetti Medically Unexplained Symptoms MUS, sintomi vaghi e aspecifici.

Come influenzano negativamente la nostra Salute i sintomi vaghi e aspecifici?

Se il sistema nervoso autonomo è in una condizione alterata, a subire le conseguenze sarà il nostro Organismo che si troverà in uno stato infiammatorio, gli effetti negativi saranno molteplici e sotto forma di sintomi vaghi e aspecifici.

Essi sono di tipo Fisico, comportamentale, cognitivo ed Emozionale. Ecco un elenco sintetico:

  • vasocostrizione periferica con conseguente freddo a mani e piedi;
  • acidità e gonfiore di stomaco dopo i pasti, senso di pienezza, gonfiore, nausea;
  • inibizione della peristalsi intestinale che porterà a stitichezza, colon irritabile e disbiosi;
  • cefalea muscolo tensiva;
  • eruzioni cutanee;
  • frequenti raffreddori;
  • sonno alterato;
  • stanchezza costante durante la giornata;
  • scarsa lucidità e poca memoria;
  • difficoltà a Rilassarsi;
  • vertigini;
  • dolori diffusi a muscoli e articolazioni apparentemente senza spiegazione;
  • inappetenza mattutina;
  • eccessiva fame serale, fame nervosa;
  • sbalzi d’umore, ansia, attacchi di panico, negatività, sensi di colpa;
  • costante stato di preoccupazione con pensieri ricorrenti;
  • tendenza ad irritabilità e irascibilità;
  • apatia, depressione;
  • scarse Performances Sportive.

 

Non solo dispenderemo più risorse Energetiche di quello che introietteremo, ma saremo anche poco reattivi, incapaci di rispondere agli stimoli provenienti dall’Ambiente esterno.

Tutto ciò non va Assolutamente trascurato, anche se la tendenza di oggi va per l’opposto.

Immaginiamo di avere un Organismo in costante stato di attacco, totalmente incapace di Recuperare quanto brucia oppure al contrario un Organismo poco reattivo, incapace di rispondere agli stimoli dell’Ambiente esterno.

Stessa cosa vale per la Mente: possiamo avere una Menta costantemente attivata da continui pensieri, ansie, depressioni e preoccupazioni, oppure avere una Mente apatica senza stimoli e interessi.

La mancata Regolazione del sistema nervoso autonomo porta altresì a un basso indice di variabilità cardiaca. La variabilità cardiaca bassa è comune in tutti i disturbi cardiovascolari, nelle patologie mediche gravi come il cancro, e infine in quelle di tipo psicologico come ansia e depressione.

 

Se ancora non si porrà una Soluzione, la struttura ossea e muscolare viene compromessa, il metabolismo si pone in modalità Risparmio e questo porta alla stanchezza cronica: un insieme di affaticabilità, spossatezza, alta sedentarietà, difficoltà a perdere grasso, apatia, alterazione del Respiro, malinconia, depressione, ritiro Sociale. L’attività del nervo vago, avente una funzione antinfiammatoria a Difesa dell’Organismo, sarà danneggiata.

Avremo un elevato livello di Acqua extracellulare, il grasso si infiltrerà maggiormente nei muscoli, il grasso viscerale si depositerà attorno agli organi e il grasso bianco, normalmente utilizzato come fonte di Energia, non svolgerà la sua funzione.

Il nostro Organismo avrà una scarsa capacità antinfiammatoria facendoci diventare più indifesi ed esposti a traumi e malattie.

Un fattore di importanza scientifica da non trascurare è l’asse HPA, il sistema ipotalamo – ipofisi – surrene. Questo sistema in condizione di stress, aumenta il rilascio degli ormoni appositi come cortisolo e glutocorticoidi. Se lo stress è costante e quindi cronico, anche il rilascio degli ormoni lo sarà. Il sonno sarà bruscamente ridotto e negativamente alterato con una ricaduta sull’attività del cervello. Al mattino l’umore sarà basso e durante la giornata la sonnolenza sarà persistente.

Il sistema nervoso autonomo risulterà alla fine bruscamente danneggiato e aumenterà il rischio di:

  • peggioramento delle Performance Psicofisiche;
  • incremento di sintomi psicosomatici;
  • accelerazione del processo di invecchiamento;
  • malattie autoimmuni;
  • malattie infettive indotte dall’azione di parassiti, funghi, batteri e virus;
  • patologie cardiovascolari;
  • patologie tumorali.

Riprendere il proprio Equilibrio diventa Prioritario!

Cosa fare allora per cominciare a prenderci Cura di noi stessi?

Il modo Migliore per Difendere il nostro Organismo è Prenderci Cura di noi stessi, adottando uno Stile di Vita Sano, consapevole e che favorisce i nostri sistemi di Difesa Naturali.

Ecco i nostri Consigli: la messa in pratica di ognuno di essi rallenta il processo di invecchiamento e ci farà Vivere Meglio.

  1. Respirare correttamente. Respirare è la prima cosa che abbiamo fatto quando siamo venuti al Mondo, purtroppo spesso Respiriamo in maniera inadeguata durante la giornata, qual è allora quella più corretta? Quella diaframmatica: inspiriamo dal naso per 5 secondi, attendiamo 2 secondi e dopodiché rilasciamo con la bocca per altri 5 secondi.
  1. Idratare la pelle Mantenendola tonica ed elastica.
  1. Sostenere le Difese immunitarie facendo uso di integratori Ricchi di sostanze Antiossidanti.
  1. Praticare attività Fisica (possibilmente prima del tramonto): running, Sport di Squadra, palestra, aerobica, passeggiare… sono tutte attività basate sul Movimento: fanno Bene al Corpo e allo Spirito. Qualche Benefico dell’attività Fisica?
  • Favorisce la circolazione sanguigna;
  • Regola il sistema linfatico;
  • incrementa la produzione di endorfine che abbassano la depressione;

ma ricordiamoci di non esagerare.

  1. Seguire un alimentazione appropriata: arricchiamo i nostri pasti e spuntini di frutta e verdura.

Evitiamo i cibi eccessivamente elaborati e i pasti da fast food.

La frutta più Consigliata? Agrumi, pesche, uva, albicocche, mirtilli, ciliegie, caki.

La verdura invece? Carote, spinaci, cavolfiori, broccoli, carciofi, verdura a foglia verde. E, quando ci sentiamo Coraggiosi e non abbiamo particolari appuntamenti sociali, aglio, cipolla e peperoncino.

Per l’apporto adeguato di minerali, largo a legumi come piselli, lenticchie e fagioli.

Per quanto riguarda le porzioni ricordiamoci un antico proverbio cinese: “al mattino la colazione tienila per Te, il pranzo dividilo con un Amico, la cena regalala al Tuo nemico”: la colazione deve essere abbondante, il pranzo un po’ meno, a cena invece Meglio ridurre e non mangiare grassi e carboidrati. Questioni di metabolismo!

E non dimentichiamo di bere almeno 2 litri di Acqua al giorno. Piccola nota sull’Acqua: questo Nutriente Essenziale è il solvente delle reazioni metaboliche, Regola il volume cellulare, consente il trasporto dei Nutrienti e smaltisce i residui e gli scarti dei processi metabolici.

  1. No al consumo abituale di alcolici. Accontentiamoci di un bicchiere di vino, ricco di polifenoli, a pasto e di qualche aperitivo con gli Amici.
  2. Per il consumo di farmaci: chiediamo sempre Consiglio al nostro Medico prima di procedere.
  1. Evitare di fumare. Il tabacco aumenta gli stati infiammatori.
  1. Abbronziamoci alla Luce del Sole, ma ricordiamoci di Proteggere adeguatamente il nostro viso con una crema apposita. Facciamo attenzione al tempo di esposizione e non dimentichiamoci di Idratare la pelle anche dopo.
  1. Sorridere di più e pensare Positivo: dobbiamo sentirci a nostro agio con noi stessi. Il Benessere esteriore è determinato da quello interiore.
  1. Allontanare le cause dello stress: se notiamo che i ritmi del nostro lavoro quotidiano diventano troppo frenetici e caotici, possiamo sempre rallentare. Diamo un ordine alle nostre priorità, facciamo piccole pause sul lavoro, ascoltiamo quello che il nostro Corpo ci sta dicendo.
  1. Sul piano delle relazioni sociali? Stare assieme ai nostri Cari: condividiamo i momenti di Relax e svago con loro. Seguiamo anche i nostri hobbies e cerchiamo di socializzare stando lontani dagli schemi dei nostri tablets e smartphones.
  1. Per sentirci carichi di Energia ogni mattina, dormire 7-8 ore a notte.
  1. E infine, per sapere le conseguenze che la nostra Vita porta alla nostra Salute….. Sottoponiamoci agli esami diagnostici del BIA PPG.
Usiamo ancora la bilancia per pesarci?

La bilancia è Utile per calcolare il nostro Body Mass Index BMI, l’indice di massa Corporea. Trattasi del risultato dato dal rapporto tra il peso in kg dedotto dalla bilancia per il quadrato dell’altezza calcolato in metri.

Secondo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità OMS, il soggetto può essere in una condizione di:

  • sottopeso: BMI < 18,5;
  • normopeso: 18,5 < BMI < 24,9;
  • sovrappeso: 25 < BMI < 29,9;
  • obesità: BMI > 30.
Ma la bilancia ha un grosso limite: ci da un solo Valore!

Perché non ci dice nulla su quanto muscolo abbiamo, quanto grasso, quanta Acqua….

Molte Persone, soprattutto le Donne, notano oscillazioni di peso (in genere aumenti) di 1 kg da un giorno all’altro, ciò può essere dovuto alla variazione dell’Acqua Corporea che può essere trattenuta nei tessuti per varie cause come:

  • un eccesso di sodio ingerito con alimenti come pasta, pizza, pane;
  • oppure per l’uso di farmaci antinfiammatori;
  • o ancora per lo stress che innalza la produzione di ormoni che trattengono liquidi come il cortisolo e gli antidiuretici.

Meglio optare sul BIA PPG allora!

Cosa significa BIA-ACC e PPG?

BIA è l’acronimo di Body Impedence Assessment, valutazione dell’impedenza Corporea.
Tradotto: ACC, analisi clinica della composizione Corporea.

Il PPG PhotoPletismoGraphy Stress Flow, ovvero valutazione del flusso di stress attraverso pletismografia, indica invece l’analisi differenziale non invasiva del sistema nervoso autonomo.

Quali Benefici riceverai dal BIA?
bbia

Il BIA è uno strumento progettato per semplificare la valutazione, l’analisi e il Monitoraggio della composizione Corporea nei suoi aspetti quantitativi, Qualitativi e funzionali Grazie alla Tecnologia bioimpedenziometrica multifrequenza in grado di Massimizzare l’efficienza delle misurazioni anche quando applicata a Pazienti affetti da disturbi correlati allo stress o di carattere infiammatorio.

È uno strumento diagnostico non invasivo in grado di rilevare in modo Preciso, Rapido e ripetibile un insieme di indicatori relativi alla struttura Corporea del Paziente, misurando la bioimpedenza intra ed extra cellulare ed evidenziandone l’Evoluzione lungo il Suo processo di Recupero dalla Performance Psicofisica.

Dal BIA possiamo dedurre:

  • la composizione della massa Corporea (Qualità e quantità dei tessuti adiposi e muscolari) con diagnosi eventuale di sarcopenia (perdita di massa muscolare);
  • eccessi e carenze Nutrizionali;
  • alterazioni metabolico strutturali;
  • stato di idratazione: Acqua Corporea totale, Acqua intracellulare, Acqua extracellulare, turnover giornaliero di Acqua;
  • metabolismo basale e sua distribuzione per Organo e tessuto;
  • Equilibrio elettrolitico di sodio e potassio;
  • distribuzione dell’Energia nei più Importanti sistemi dell’Organismo;
  • valutazione della densità ossea e diagnosi eventuale di osteopenia o osteoporosi;
  • livello di infiammazione cronica sistemica, stress cronico e andamento di ormoni dello stress come antidiuretici e cortisolo;
  • densitometria Corporea;
  • risposta del metabolismo glucidico nelle ultime 24 ore;
  • andamento del carico acido renale Potenziale nelle 24 ore;
  • massimo consumo di ossigeno, Potenza aerobica, VO2 Max, indispensabile per chi vuole dimagrire e per chi fa Sport.

Il BIA rileva l’impedenza del nostro Corpo, ovvero la resistenza opposta al passaggio di una corrente alternata a bassa frequenza:

  • una maggiore opposizione equivale a un’alta percentuale di massa grassa;
  • una minore resistenza equivale a un’alta percentuale di tessuti magri, poiché presentando un alto contenuto di Acqua, risultano assai conduttivi.
Vogliamo sapere Precisamente i Valori dati dal BIA?

I Valori sono:

  1. ALST, massa muscolare appendicolare;
  2. HPA Axis Index, asse HPA: indice dell’andamento circadiano dell’espressione degli ormoni dello stress.

Parametro elettrico che esprime la proporzione tra gli spazi intra ed extracellulari. In un Uomo Sano il valore oscilla tra i 5° e i 7°.

  1. AT, tessuto adiposo;
  2. Bbuffer, sistemi tampone;
  3. Body Density BD, densità Corporea;
  4. Bone Mineral BM, minerali ossei;
  5. Body Mass Index BMI, indice di massa Corporea: rapporto tra peso e altezza del Paziente;
  6. Basal Metabolic Rate BMR, metabolismo basale: quantità di Energia espressa in Kcal giornaliere, consumata da un Paziente che si trova in condizioni di Massimo Riposo Fisico e Mentale, in una stanza a temperatura confortevole e a digiuno da circa 12 ore;
  7. Bone, massa ossea;
  8. Cr-24h, creatinina urinaria;
  9. ECM, massa extracellulare;
  10. ExtraCellular Matrix ECMatrix, matrice extracellulare;
  11. Equilibrio elettrolitico (sodio, potassio, magnesio, calcio,…);
  12. ExtaCellular Water, ECW: Acqua nell’Ambiente ExtraCellulare. Rappresenta i fluidi presenti all’esterno delle cellule ovvero la quantità d’Acqua presente nell’Ambiente extracellulare, espressa in litri e in percentuale rispetto all’Acqua Corporea totale TBW. Si trova nel liquido spinale, nei tessuti linfatici, nei vasi sanguigni e nello spazio interstiziale delle cellule.;
  13. IntraCellular Water, ICW: Acqua nell’Ambiente IntraCellulare;
  14. Energy Regulation, Regolazione di Energia;
  15. Fat Free Mass FFM, massa magra: quantità di massa magra presente nel Corpo, espresso in kg e in percentuale rispetto al peso totale del Paziente. Comprende lo scheletro, il 73% dei liquidi corporei, muscoli, pelle e organi. La condizione ideale presume un valore tra 77% – 85% rispetto al peso corporeo.
  16. Fat Mass FM, massa grassa: quantità di massa grassa presente nel Corpo, espresso in kg e in percentuale rispetto al peso totale del Paziente.

Costituita dal glicerolo, sostanza formata dagli acidi grassi, utilizzato come concentrato di energia per i muscoli. FM è necessario sia per i processi Vitali (come la Protezione degli organi interni) che come fonte di energia. Una Buona forma Fisica presuppone un valore di FM del 15-23% rispetto al peso.

  1. Fat Mass Risk FMRisk, rischio biologico da massa grassa;
  2. Fat Mass up 4 weeks, accrescimento di grasso stimato in 4 settimane;
  3. Glu Free, glucosio Libero;
  4. Gly, glicogeno;
  5. h SMI, densità muscolare;
  6. IntraCellular Water ICW, Acqua intracellulare: quantità di Acqua nell’Ambiente intracellulare, espressa in litri e in percentuale rispetto all’Acqua Corporea totale TBW;
  7. IMAT: quantità di grasso infiltrato nelle ossa;
  8. LE, lipidi essenziali;
  9. O-PRAL, acidità extracellulare;
  10. PA, angolo di fase, asse dello stress: misura espressa in gradi della relazione tra resistenza e reattanza capacitiva. Un Valore molto basso indica un sistema con membrane cellulari scarsamente integre; un grado alto indica un sistema con membrane integre e una Buona massa cellulare.
  11. Ratio ECM/BCM;
  12. Ratio K/ICW;
  13. Ratio K/Mg;
  14. Skeletal Muscle, massa muscolare scheletrica;
  15. Skeletal Muscle Index SMI;
  16. S-Score: indicatore della densità delle fibre muscolari, Capace di diagnosticare eventuale sarcopenia;
  17. STM: minerali Liberi non ossei;
  18. quantità totale dei minerali calcio, cloro, fosfati, potassio, sodio e magnesio;
  19. TBCa, calcio totale;
  20. TBCl, cloro totale;
  21. TBK, potassio totale;
  22. TBMg, magnesio totale;
  23. TBNa, sodio totale;
  24. TBP, fosfati totali;
  25. TBprotein, proteine totali;
  26. Total Body Water, TBW, Acqua Corporea Totale. Rappresenta i fluidi Corporei totali presenti nel Corpo, espressa in litri e in percentuale rispetto al peso totale del Paziente.
  27. T-score: indicatore della massa ossea Capace di rilevare eventuale osteopenia oppure osteoporosi;
  28. Visceral Organs;
  29. VO2 Max, Potenza Aerobica dell’Atleta.
  30. VO2 a Riposo.

Considerazioni da tenere a Mente :

  • I Valori fisiologici dell’Acqua Corporea totale TBW sono quelli compresi tra il 60% e il 70% (durante l’Infanzia si raggiunge un picco del 77% per poi diminuire con l’età).

Una percentuale inferiore al 60% può essere dovuta a:

  • disidratazione;
  • perdita di massa magra;
  • aumento della massa grassa;
  • processi infiammatori cronici.

Valori bassi di TBW incidono sull’Idratazione dell’intestino crasso determinando stipsi, alvo interno, colon irritabile.

  • Acqua Corporea intracellulare ICW ed Acqua Corporea extracellulare ECW (espressi in percentuale rispetto alla TBW) valutano il rapporto di distribuzione dei fluidi Corporei fra i comparti intra ed extra cellulari. Il rapporto fra loro deve essere fisiologico nei seguenti Valori: ICW=60% ed ECW=40%.

La distribuzione idrica può essere alterata da infiammazioni croniche, squilibri ormonali che aumentano i processi catabolici, infezioni: se ciò avviene, i fluidi dell’Ambiente intracellulare si riversano nell’Ambiente extracellulare.

  • In condizioni fisiologiche la massa magra FFM non deve superare il 75% del peso Corporeo.

In condizioni fisiologiche la massa grassa FM non deve superare il 25% del peso Corporeo.

Il rapporto tra FFM e FM è Fondamentale per Mantenere il livello del metabolismo basale, ma è anche legato all’Idratazione Corporea totale TBW e alla sua distribuzione tra ICW e ECW

La perdita della massa magra FFM a favore della massa grassa FM porta all’abbassamento dell’Acqua Corporea Totale TBW, alterando il ritmo circadiano del cortisolo che a sua volta altera il metabolismo glucidico.

Il risultato è la degradazione proteica dei muscoli: accadrà un fenomeno di autocannibalismo della massa magra e non ci saranno aminoacidi Utili alla sintesi di zuccheri favorendo la formazione di tessuto adiposo.

La perdita della massa magra FFM può essere correlata anche a carenze ormonali (come l’ormone delle crescita GH) peggiorando il rapporto tra ICW ed ECW.

Il peso complessivo deve sempre prevedere il corretto rapporto tra FM e FFM.

  • Metabolismo basale BMR. Buoni Valori di BMR devono attestarsi attorno alle 1.300 – 1.400 Kcal giornaliere.

Il BMR è direttamente proporzionale alla FFM, quindi la perdita di FFM e TBW determina una diminuzione del BMR. Valori di BMR inferiori alle 1.000 Kcal giornaliere si associano alla presenza di sintomi vaghi e aspecifici e ad alterazioni ormonali relativi all’asse HPA.

  • Angolo di fase HPA.

Per gli Uomini deve essere di almeno 6°.

Per le Donne deve essere di almeno 5°.

L’angolo di fase è legato all’integrità delle membrane cellulari: un Valore basso indica una certa permeabilità delle membrane cellulari e/o a scarsa massa cellulare. Questo può essere dovuto ad eccessiva attività catabolica portando a una perdita di ICW a favore dell’ECW, e in una perdita di FFM e TBW.

Ecco una rappresentazione di quello che risulta dalle analisi eseguite:

bia acc 1
bia acc 2
bia acc 3
Curiosità sul funzionamento dell’asse HPA:

L’angolo di fase, se è inferiore a 3,5, indica un rilascio costante di ormoni dello stress. Quindi stress costantemente attivato e operativo anche di notte impedendo al nostro nervo vago di Ripararci e Ricostruirci durante il sonno.

Per riportarlo a una condizione di normalità, dobbiamo rispettare il ritmo circadiano delle 24 ore:

il picco di rilascio di ormoni dello stress lo si deve avere nelle prime ore del mattino, per poi defluire progressivamente nel corso del pomeriggio e arrestarsi durante la notte.

E perciò: Meglio fare le attività più Impegnative e faticose all’inizio della giornata.

Quali Benefici riceveremo dal PPG?
ppg

Il Dispositivo PPG, Grazie a una tecnologia di misurazione pletismografica multicanale applicata alle estremità distali degli arti, permette di analizzare in modo complessivo l’attività del sistema nervoso autonomo e la variabilità della frequenza cardiaca.

L’esame condotto da questo strumento ha una durata di 5 minuti. Consiste semplicemente in un esercizio Respiratorio, chiamato Resonant Respiratory Training RTT, allenamento di risonanza Respiratoria, eseguito a Riposo e in una situazione di Quiete.

Permette lo studio e il Monitoraggio diretto di tutte le funzioni del sistema nervoso autonomo (frequenza cardiaca, Respiratoria, saturazione dell’ossigeno, attività cerebrale, bilanciamento degli emisferi cerebrali, destro emotivo, sinistro razionale, tendenza a rimuginare ), oltre a favorire i processi di diagnosi differenziale dei disturbi e delle patologie a carattere infiammatorio cronico e correlati allo stress.

Studi scientifici hanno dimostrato che un corretto RTT Equilibra il funzionamento dei componenti simpatico e parasimpatico del sistema nervoso autonomo.

Dall’analisi del PPG possiamo analizzare lo stato del sistema nervoso autonomo, valutare i processi di biofeedback come l’adattamento del Corpo all’esercizio Respiratorio, la funzione vasomotoria, la termoregolazione, la modulazione della pressione sanguigna, la variabilità della frequenza cardiaca HRV e molte informazioni fisiopatologiche correllate allo stress e all’infiammazione cronica.

Vogliamo sapere Precisamente i Valori dati dal PPG?

Se ti interessa Scoprirlo, dal PPG Stress Flow potremo ricavare Valori molto importanti quali:

  • Mean Heart Rate MHR, frequenza cardiaca media: pulsazioni Cardiache misurate in bpm. I Valori normali sono 46,9 e 84,8 bpm.
  • Standard Deviation Normal to Normal SDNN, indice clinico di tutta la variabilità Cardiaca e del sistema nervoso autonomo: permette di classificare uno stato di Salute, alterazioni funzionali o malattia. Valore sufficiente >50, Valore Ottimale >100;
  • RMSSD, indice clinico della variabilità Cardiaca del sistema parasimpatico. Valore sufficiente >30;
  • VLF Power: indicatore dell’attività dei processi più lenti del sistema simpatico, influenze dell’organo viscerale sulla termoregolazione e sistema delle Emozioni; interferenza Emotiva sul nervo vago: rappresenta tutte le retroazioni viscerali. I Valori normali devono essere <5;
  • LF Power: indicatore dell’attività simpatica, influenza dei ritmi barocettori sul ritmo Cardiaco. I Valori normali sono >8;
  • HF Power: indicatore dell’attività parasimpatica, modulazione e tono del sistema vagale. Valori normali >8;
  • Scatter – Heart Rate: rappresentazione grafica della variabilità Cardiaca misurata in ms2 da 40 a 140 e costituisce la differenza tra il battito attuale e quello rilevato in un momento precedente;
  • Bilateral Flow e attivazione differenziale Emozionale: rappresentazione multicanale del flusso ematico, analisi differenziale della predominanza degli emisferi del livello di attivazione Emozionale;
  • Power Spectral Density: grafico dei sottocomponenti del sistema nervoso autonomo;
  • ANS Balance: rappresentazione grafica della relazione fra il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico.
  • Total Power, Efficienza del sistema nervoso autonomo: Valori normali >8, Valori Ottimali >9;
  • Basal Metabolic Rate, BMR: Indice Basale Metabolico, trattasi del dispendio Energetico in condizioni di Massimo Riposo Fisico e Mentale, a digiuno da 12 ore;

Il PPG rileva anche le seguenti frequenze:

  • high frequency: rappresenta le dinamiche del sistema nervoso parasimpatico;
  • low frequency: rappresenta l’attività del sistema nervoso simpatico;
  • very low frequency: rappresenta tutte le retroazioni viscerali.
Quali Benefici apporta l’esercizio Respiratorio?

L’Importanza di una corretta e profonda Respirazione è conosciuta fin dai tempi più antichi con la Nascita dello yoga.

Il Respiro è più Importante di quanto sembri, perché consente di Migliorare:

  • eventuali forme di asma;
  • la frequenza cardiaca se colpita da extrasistole o tachicardia ad esempio;
  • la Potenza aerobica VO2;
  • l’ossigenazione dei tessuti;
  • il carico acido-base tissutale;
  • le Prestazioni cognitive, Fisiche e Sportive.

Una volta imparato a Respirare correttamente, Grazie all’Aiuto della nostra Professionista con il supporto del PPG, potremo eseguire il nostro training Respiratorio anche a Casa, 2-3 volte al giorno per poter così avere un maggior Benessere, un maggiore Relax, più Energia, una Migliore pressione arteriosa, una Qualità del sonno Migliore, meno ansia e pensieri circolari.

In quali settori clinici può essere di supporto il BIA PPG?

I processi fisiopatologici che possono determinare variazioni della composizione Corporea sono tantissimi.
L’impiego del BIA PPG diventa Importante:

  • nell’analisi e studio del sistema nervoso autonomo e dell’HRV;
  • nell’analisi degli effetti che può dare un sistema nervoso autonomo in disequilibrio sul metabolismo e sulla composizione Corporea, stress cronico e malattie correlate;
  • nella Medicina generale e Medicina interna;
  • nella Cardiologia;
  • nella Diagnostica;
  • nella Nutrizione clinica, Diabetologia e Dietologia;
  • nella Riabilitazione Fisico-motoria ;
  • nell’Aumento della Performance Sportiva ;
  • nella diagnostica e Monitoraggio dei disturbi Metabolici, Gastrointestinali e Cardiovascolari ;
  • nella nefrologia e dialisi;
  • nella Psicologia e Psichiatria;
  • nella diagnostica e Monitoraggio dei disturbi infiammatori cronici e delle patologie autoimmuni;
  • nella Gerontologia e Geriatria;
  • nella Psiconeuroimmunologia o neuroimmunomodulazione;
  • nell’Oncologia;
  • nella Prevenzione clinica e Benessere, Medicina Antiage, per la Longevità e Performance Psicofisica;
  • nella diagnostica differenziale della sintomatologia vaga e aspecifica (Medically Unexplained Symptoms: MUS).

Dai contesti clinici a quelli sportivi e a quelli della psicologia clinica, l’analisi della variabilità della frequenza Cardiaca e degli indicatori dell’attività del sistema nervoso autonomo ottenuta attraverso l’esercizio Respiratorio, offre un Importante supporto in numerose applicazioni:

  • nel Monitoraggio della sindrome generale di adattamento e dei disturbi correlati allo stress;
  • nella diagnostica e Monitoraggio dei disturbi infiammatori cronici e delle patologie autoimmuni;
  • nell’analisi delle espressioni Psicologiche e delle Emozioni;
  • nell’aumento della Performance sportiva;
  • nella Longevità e Performance Psicofisica;
  • nel Benessere e nell’Antiaging.
E in più, il risultato di BIA + PPG è:

L’OSO-Test, il test non invasivo e Rapido per la valutazione della sindrome obesità osteosarcopenica.

L’OSO-Test è il Risultato finale dell’intera analisi dello stato di Salute generale dell’organismo.

Ecco spiegato il ruolo di ossa, muscoli e grasso sulla Salute, invecchiamento, Prestazioni e OSO:

oso test
performance benessere
invecchiamento
obesita
A Chi è Consigliato questo esame?

Non possiamo definire una Precisa fascia di Persone che necessiterebbero questo esame, persino noi del Gruppo Sangiovanni Centri Medici ci sottoponiamo Costantemente a queste rilevazioni.

Prevenire significa Semplicemente conoscere la condizione del nostro Organismo prima ancora che si sviluppi una patologia.

Se possiamo vedere in anticipo che stiamo andando verso una condizione di rischio, possiamo intervenire con anni di anticipo.

Quindi lo Consigliamo a tutti, Uomini e Donne, indipendentemente dall’età e dall’esistenza di una o più patologie. Perché serve a:

  • Migliorare lo Stile di Vita e le Performances di qualunque livello;
  • conoscere il bilanciamento del proprio sistema nervoso autonomo e l’attività ormonale;
  • sapere se le proprie Emozioni possono portare l’Organismo a una condizione di squilibrio oppure no.

Tuttavia raccomandiamo particolarmente questo esame ai Pazienti affetti da:

  • disturbi infiammatori cronici e/o stress correlati come stati d’ansia, problemi di sonno (difficoltà ad addormentarsi, stanchezza dopo aver dormito, frequenti risvegli notturni), mal di testa di origine non neurologica, problemi di peso non risolti con dieta e attività Fisica, fame nervosa, dolori fisici, disagi Psicologici (come ossessioni e rimuginare sugli stessi problemi), asma, riniti allergiche, stanchezza diurna persistente, scarse Performances;
  • osteopenia;
  • osteoporosi;
  • sarcopenia;
  • crampi a Riposo;
  • disturbi gastrointestinali aspecifici.

Inseriamo anche chi fa lavori particolarmente stressanti (manager, imprenditori, studenti, artigiani, operai): tutto ciò, se non controllato, può portare a una sindrome da burnout.

Per tenere sotto Controllo lo stress ossidativo e Migliorare le Performances, lo Consigliamo anche agli Sportivi. Molti Atleti sono infiammati a causa di un eccesso di allenamento e/o errata alimentazione con stati di ansia costante. Tutto questo produce una Performance resa al di sotto delle proprie Potenzialità e una diminuzione generale del proprio Benessere.
Per questo il BIA PPG è utilizzato da Sportivi Professionisti: il contributo ad elevare la prestazione e la Potenza Aerobica Massima VO2 Max è scientificamente dimostrato.

E, per Assicurare il Miglior Futuro possibile al Mondo… ai nostri Figli.

Come si esegue il BIA PPG?

Il funzionamento del BIA si basa sulla misurazione dell’impedenza intracellulare ed extracellulare. Attraverso 4 elettrodi cutanei verrà iniettata una corrente alternata totalmente innocua attraverso 2 elettrodi (iniettori). Altri 2 elettrodi definiti sensori, misureranno l’opposizione dell’Organismo al passaggio della corrente, definita impedenza. L’impedenza è caratterizzata da 2 componenti: la resistenza e la reattanza.

Tutte le strutture biologiche oppongono resistenza al passaggio della corrente elettrica.

I tessuti privi di grasso sono buoni conduttori al passaggio della corrente elettrica, poiché Ricchi di fluidi Corporei.

I tessuti ossei e adiposi sono poveri di fluidi ed elettroliti e perciò porranno maggior resistenza al passaggio della corrente.

Le reattanza è la Forza opposta da un condensatore al passaggio della corrente elettrica: le cellule si comportano come dei condensatori opponendo una resistenza capacitiva alla corrente alternata. La reattanza dipende dall’integrità delle membrane cellulari ed è proporzionale alla massa cellulare Corporea.

La misura di impedenza viene trasformata in volumi quali:

  • Acqua Corporea totale;
  • Acqua intracellulare;
  • Acqua extracellulare;

massa, in cui distinguiamo quella grassa e quella magra;

e metabolismo basale (quantità di Energia, espressa in Kcal giornaliere, consumata da un Individuo che si trova in condizioni di Massimo Riposo Fisico e Mentale).

Per valutare tutto ciò, il Paziente dovrà sdraiarsi sul lettino, in posizione supina, la Terapista applicherà 2 elettrodi (uno alla mano destra e uno al piede destro) collegati al macchinario. Il tutto in una durata di 15 secondi.

Terminato l’esame i dati del Paziente vengono elaborati e viene adottata la tecnica Respiratoria più Adatta con il PPG.

Il PPG è un esame in cui sarà chiesto al Paziente di Respirare in totale Quiete per 5 minuti totali secondo una Ben Precisa sequenza:

  • 5 secondi di inspirazione;
  • 2 secondi di apnea;
  • 5 secondi di espirazione.

Il test viene effettuato tramite 2 sensori che vengono posizionati sui polpastrelli, indice della mano destra e indice della mano sinistra, del Paziente.

Si tratta di una Respirazione guidata in cui saranno valutate:

  • l’ossigenazione;
  • la frequenza Cardiaca basale;
  • la variabilità della frequenza Cardiaca;
  • l’eventuale condizione di normotonia del Paziente.

Dopodiché viene confrontata la differenza di ossigenazione e di frequenza Cardiaca rispetto al basale e se, dopo la Respirazione, il Paziente Migliora il suo stato di normotonia.

Quali Benefici riceveremo dall’azione combinata degli esami BIA e PPG?

Dall’analisi del BIA PPG, possiamo definire strategie Nutrizionali e Fisico-motorie per il Miglioramento della Performance Psicofisica.

Tramite il BIA e PPG abbiamo la Missione di invertire l’eventuale circolo vizioso della nostra Salute in un circolo Virtuoso:

loop negativo
loop positivo

Ed ecco che il punto di arrivo è quello della nostra partenza: Prevenzione! Non ci stancheremo mai di ripeterlo.

Il corretto Stile di Vita che ci fa eseguire la più adatta attività Fisica, la giusta Respirazione, una corretta Nutrizione e un profondo Rilassamento rappresentano ancora oggi la più valida arma che possiamo avere per Vivere Felicemente godendo di un Corpo capace di Autorigenerarsi.

È tutto nelle nostre mani.

Semplice, no?

Nella valutazione del T-score relativamente alla massa ossea, che differenza c’è fra il BIA e la MOC?

BIA e MOC sono esami complementari. La MOC da un focus sulla densità ossea del collo del femore e vertebre lombari, poiché sono i distretti più soggetti a fratture.

Poiché la MOC è un esame invasivo, non possono essere effettuati frequenti monitoraggi. Essa va ripetuta dopo 18 – 24 mesi, mai prima di un anno.

Il BIA fornisce il T-Score sistemico del tessuto osseo e, non essendo invasivo, permette di eseguire dei monitoraggi frequenti.

Inoltre, dal punto di vista della Sicurezza, al contrario della MOC , il BIA non emette alcuna radiazione.

D’accordo ho deciso di sottopormi al BIA PPG, permettimi qualche domanda prima però…

Come mi devo preparare al test?

Durante la sera precedente al test, ti Consigliamo di pesarti e misurare la Tua altezza.

Prima di effettuare il test la nostra Professionista ti richiederà la compilazione di un questionario relativo ai Tuoi Medically Unexplained Symptoms MUS (sintomi inspiegabili dal punto di vista clinico), possiamo definirli sintomi vaghi e aspecifici.

Si tratta di un questionario in cui dovrai rispondere a ciascun quesito con un SI o un NO, in caso di SI, dovrai marcare su una scala da 1 a 10 (1= gravità bassa; 10=gravità alta) il valore del sintomo che stai accusando.

Le domande fanno riferimento a tutti quei sintomi vaghi e non specifici di patologie conclamate come stanchezza cronica, disturbi del tono e dell’umore, ansia, apatia, mani e piedi freddi, insonnia, disturbi del sonno, attacchi di panico, acidità e gonfiore di stomaco, senso di pienezza, reflusso gastrico, stipsi, colon irritabile, sindromi gastroenteriche.

La compilazione del test richiede un durata di tempo di circa 10/15 minuti.

Vuoi risparmiare tempo?

Scarica Gratis il Questionario Sintomatologia cliccando qui

Compilalo la sera prima del test, dopodiché invialo qui (fisio.loano@mailsg.it) oppure consegnacelo direttamente il giorno del test.

In alternativa

Puoi sempre prenderlo qui da noi, al Sangiovanni Centro di Fisioterapia e completarlo la sera prima o subito prima del test.

Il questionario riporterà anche domande sull’eventuale Terapia farmacologica che stai seguendo, le Tue abitudini alimentari e l’attività Fisica settimanale.

L’esame BIA PPG va effettuato a digiuno o almeno 2-3 ore dopo aver mangiato. Quindi ricordati di non mangiare prima!

Ultima raccomandazione, solamente dedicata alle Donne: poiché saranno applicati degli elettrodi agli indici di entrambe le mani, non mettete lo smalto sopra.

Quanto dura l’intero esame BIA PPG?

La valutazione dura 45 minuti, per questo ti Consigliamo di completare il questionario la sera prima (vedi sopra).

Proverò dolore?

Assolutamente no. Ribadiamo che i nostri macchinari non sono invasivi e non danno stimoli dolorosi.

Il servizio è sicuro?

Assolutamente sì. BIA e PPG non sono esami invasivi e non emettono alcun tipo di radiazione.

Inoltre presentano un margine di errore pari a circa l’1%.

Come mi sentirò al termine?

Data l’assenza di effetti collaterali, al termine dell’esame potrai riprendere le Tue attività quotidiane.

Grazie all’allenamento Respiratorio sperimenterai Subito un rinnovato e aumentato Relax e una buona dose di Energia.

A chi è sconsigliato questo esame?

Ai portatori di pacemaker e alle Donne in Gravidanza.

E inoltre…

Cosa farà al termine degli esami la nostra Professionista per Te?

Al termine ti sarà consegnata una relazione. In questo report saranno presenti:

  • le Tue condizioni Psicofisiche;
  • le eventuali indicazioni riguardanti le modifiche da apportare al Tuo Stile di Vita;
  • la tabella Nutrizionale (comprendente anche gli integratori) da seguire;
  • gli esercizi Fisici da svolgere per un eventuale Check Up Fisioterapico.

Nel caso si riscontrasse un’alterazione nel funzionamento del Tuo sistema nervoso autonomo, la nostra Professionista redigerà un piano Personalizzato di Riabilitazione Fisico Motoria, Nutrizionale , Psicologica , Respiratoria, ed eventualmente anche Posturologica.

La Riabilitazione Nutrizionale serve a bilanciare il fabbisogno di Acqua, la distribuzione del carico glicemico nell’arco della giornata e ridurre il carico di acidi nelle 24 ore.

La Riabilitazione Fisico Motoria serve a incrementare il Recupero della massa muscolare e a ridurre la massa grassa viscerale.

Il servizio ha una periodicità?

Sì, al fine di valutare i Benefici del programma consegnato alla fine della seduta, Consigliamo di rinnovare il BIA PPG a un mese di distanza.

Poi, dopo averlo Rinnovato, a seconda dei Risultati, il prossimo esame dovrà essere effettuato a distanza di 3 – 5 mesi. Non ti preoccupare, sarà la nostra Terapista a dirti quando di Preciso.

Se necessario, il piano alimentare e/o l’integrazione e/o l’allenamento potranno essere rimodulati.

Una volta effettuati gli esami, cosa possiamo fare noi per Te?

Poiché il servizio ha una periodicità programmata dalla nostra Professionista, noi del Sangiovanni Poliambulatorio ti ricorderemo quando Rinnovare la seduta.

Cos è il BIA PPG

Il BIA è un ottimo strumento diagnostico non invasivo di analisi che attraverso delle stime è in grado di analizzare la composizione Corporea del Paziente, rilevando in modo Preciso, Rapido e ripetibile un insieme di indicatori, evidenziandone l’Evoluzione lungo il Suo processo di Recupero dalla Performance Psicofisica.

In associazione con il PPG indica le condizioni di Salute generale e/o stress Psicofisico del Paziente.

Il PPG è un dispositivo che, utilizzando la tecnica di misurazione ottica non invasiva chiamata foto pletismografia, valuta l’attività del sistema nervoso autonomo dando un quadro informativo ancora più completo sull’impatto che lo stress ha sul nostro Organismo.

L’intero esame non è solo diagnostico però, avendo analizzato tutte le funzioni, possiamo dire che rappresenta una Vera e propria Terapia, perché semplicemente la fornisce dal punto di vista Fisico Motorio, Psicologico, Respiratorio e di Relax.

Dove siamo a Loano? In via delle Peschiere 51

“Il Corpo Umano è stata la prima fonte della nostra Tecnologia. In futuro lo sarà molto di più.”

Dario Boschiero, founder di Biotekna
Vincitore dello “stock award per la Miglior Innovazione della Vita”

Scopri chi sono le nostre Professioniste:

Dott.ssa Linda Damonte

Alta competenza nella Riabilitazione neuro-ortopedica, Respiratoria e sportiva e nella Terapia Fisica.

Titoli di Studio

2015: Laurea in Fisioterapia con 110 e Lode presso facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Genova.

Tesi: la fascia: il suuo ruolo come tessuto propriocettivo nel Controllo Posturale, nel Mantenimento dell’Equilibrio e nella coordinazione motoria.

Esperienze Professionali

2013 – 2015: Tirocinio clinico Ospedale Santa Corona, Pietra Ligure.
Reparti:

  • Riabilitazione e Rieducazione Funzionale;
  • Unità Spinale Unipolare;
  • Neuroscienze;
  • Ortopedia e Traumatologia;
  • Chirurgia Protesica;
  • Chirurgia Generale (Toracica);
  • Centro di Riabilitazione Robotica.

2014 – 2015: Tirocinio clinico esterno nelle seguenti strutture:

  • Ospedale Giannina Gaslini, Genova;
  • Casa di Cura Presentazione, Loano (SV);
  • Casa di Cura San Michele, Albenga (SV);
  • Ospedale La Colletta, Arenzano (GE): reparto di Riabilitazione Cardiologica;
  • Ospedale Santa Maria della Misericordia, Albenga (SV): reparto di Riabilitazione, MIOS;
  • Servizio di Assistenza Domiciliare integrata, Savona;
  • Ospedale San Paolo, Savona: reparto di Riabilitazione, Chirurgia della Mano;
  • Istituto AIAS Savona Onlus, Savona.

2016: trattamenti di Pazienti ambulatoriali presso Istituto di Fisiochinesiterapia Fleming, Albissola Superiore (SV).

2016 – 2017: Pratica clinica prima squadra Iglina Albisola Pallavolo.

Trattamento di Pazienti degenti, presso RSA La Villa, Varazze (SV).

Trattamento di Pazienti ambulatoriali presso Poliambulatorio Fisios srl, Vado Ligure (SV).

Dal 2016 ad Oggi: trattamento di Pazienti degenti presso Residenza Protetta Oasi Sole e Mare, Arenzano (GE).

2017: trattamento di Pazienti degenti presso Residenza Protetta Humanitas Sereni Orizzonti, Borghetto Santo Spirito (SV).

Trattamento di Pazienti ambulatoriali presso Studio Milacca, Savona e Carcare (SV).

Dal 2018: Collaborazione con Sangiovanni Centri Fisioterapici.

Corsi frequentati

2015: corso Manipolazione fasciale metodo Stecco.

2017: corso Maitland livello base.

Corso Tecar INDIBA.

2018: corso Mezieres.

Medico della Salute

Servizio Medico della Salute

Radiologia e Diagnostica per immagini

Ecografia Diagnostica

Cardiologia

Cardiologia

Keope Gpr

Keope la macchina del benessere